Caffè italiano: come si fa te lo dice Casa Surace

caffè italiano

Caffè italiano: come si fa te lo dice Casa Surace

Caffè italiano vs caffè americano: chi vince? Chiunque sia dotato di buon senso e, soprattutto, di papille gustative funzionanti opterà sicuramente per il buon vecchio caffè italiano. Qui a Napoli, poi, c’è una particolare cultura del caffè che proprio non ci sentiamo di tradire. È quello che con molta ironia rivela la banda sgangherata di Casa Surace tramite l’ultimo divertentissimo video postato stamane sulla bacheca Facebook. In solo 1 minuto e 36 secondi, i nostri beniamini hanno ricreato un vero e proprio mini tutorial che fa, letteralmente, piegare in due dalle risate (la mia amica Luisa ne sa qualcosa, dato che l’abbiamo visto poco fa in ufficio).

Come si prepara il caffè italiano step by step secondo Casa Surace

Il video comincia come un normale (e serissimo) tutorial per poi sfociare in una spassosa panoramica sulle usanze del sud. Da come si prepara il caffè nelle case napoletane doc finendo alla rappresentazione della tipica colazione settentrionale e poi meridionale: nulla è lasciato al caso. Questo capolavoro dell’umorismo si intitola “Come preparare il CAFFÉ – How to make coffee (Italia vs Mondo)” ed è disponibile su Facebook e canale Youtube della casa di produzione by Naples.

Tutto comincia mostrando come si prepara il caffè americano…avete presente? Quello lungo, solubile e diluito in circa 2 litri d’acqua. In quei tazzoni enormi, dove noi al massimo ci beviamo il cappuccino. Sì, proprio quello. Tutto molto bello fino a quando i protagonisti non buttano il contenuto della tazza direttamente…ehm…nel wc. Un modo mooolto velato per spiegare l’uso che se ne deve fare (buttatelo, in pochissime parole).

Il meglio viene dopo, quando finalmente arriva la vera protagonista di tutta l’avventura: la moca. Che sia benedetta! In un misto di inglese e napoletano, ecco che spuntano consigli: stringi la moca con la mappina, fai la montagnella con la polvere, zucchera il tutto direttamente nella macchinetta. Ad un certo punto, in un impeto di ironia dilagante, ecco che ne spuntano di tutte le dimensioni, anche quella maxi nonna edition. Ma il clou si raggiunge solo quando arriva il momento colazione al nord vs colazione al sud: qualcosa che non si può spiegare, ma solo vedere (o vivere). Al nord ci si mantiene con UN caffè e  UN croissant. Al sud venti caffè non bastano, come non basta un cornetto…al punto che dal nulla compare una teglia di parmigiana di melanzane con tanto di pane per la scarpetta. Che dire, Casa Surace colpisce ancora. Bravi ragazzi!

Condividi questo post

Commento (1)

  • Matteo Rispondi

    la colazione come a casa mia, è proprio vero

    il 21 dicembre 2016 alle 11:18

Commenta l'articolo